La vita oltre la morte in L’Amore ai tempi del Colera di Gabriel Garcia Marquez

Cinquantuno anni, nove mesi e cinque giorni non sono bastati a Florentino Ariza per disinnamorarsi di Fermina Daza.

L’amore ai tempi del colera di Gabriel Garcia Marquez è uno degli immensi capolavori di cui tutti dovrebbero fare esperienza di lettura almeno una volta nella propria vita.

L’immensità del romanzo è data dalla prolissità dei dettagli. In ogni angolo di frase, in ogni rigo di paragrafo ed in ogni pagina, si legge la determinazione di chi sa descrivere con tutti i sensi, le emozioni e le esperienze che la vita propone. Nell’anniversario della morte dello scrittore colombiano, ricordare un’opera della levatura letteraria di tale testo, sembra il minimo da dover svolgere.

Oltre mezzo secolo di amore raccontato tra i pensieri di Florentino Ariza e Fermina Daza rende impossibile, anche ai meno romantici, l’incredulità di una vera rinascita, anche a settant’anni.

È LA VITA, PIU’ CHE LA MORTE, A NON AVERE LIMITI.

E come dargli torto! I protagonisti di questo magico, profondo e romantico racconto vivono una storia assurda, fatta di matrimoni forzati, disillusioni, tradimenti e viaggi colmi di dolcezza e disperazione.

Un applauso va al personaggio di Florentino che ha amato, oltre ogni misura, una sola donna nella sua vita e ne ha possedute troppe, con il solo scopo di essere leale sempre alla prima con il cuore e con la mente.

Fermina Daza è la rappresentazione della Donna, della Femminilità e della Crudeltà della vita, dell’Ottocento, del Novecento e di ogni secolo. Nei pensieri, nelle ribellioni e nel rispetto di se stessa, prima di chiunque altro, corrisponde alla massima figuratività di ciò che una donna può possedere: tutto e niente, in ogni istante, in un dissidio perenne tra mente e cuore.

I due non possono fare a meno di amarsi, perché anziani, ormai soli ed in grado di comprendersi più di chiunque altro e perché, forse, o piace a me crederlo, non hanno mai smesso di farlo.

Hanno condiviso una vita insieme, pur restando completamente lontani. Ai malumori di lei, corrispondevano le perplessità di lui e alle lettere d’amore di lui seguivano i ritmi altalenanti delle inquietudini di lei. Si sono ritrovati, senza essersi mai persi. Si sono vissuti, senza essersi neanche sposati e nella traccia storica dell’epidemia di colera, la loro storia d’amore, mai realizzatasi per oltre cinquant’anni, sembrava la vera epidemia da combattere.

“Il problema del matrimonio è che finisce ogni notte dopo che si è fatto l’amore, e occorre riscostruirlo ogni mattina prima della colazione”

E se ciò corrispondesse al vero, Florentino Ariza e Fermina Daza hanno fatto l’amore senza l’inconveniente del matrimonio, lontani dalla realtà, anziani e decadenti, come gli artisti degli stessi anni che hanno trascorso, sopravvivendo.

Come in tutti i grandi romanzi che meritano immensa venerazione, Amore e Morte vivono un gioco ad armi dispari. L’Amore, a differenza della seconda, è una malattia lenta e dolorosa, perché si consuma, fino al disfacimento, senza mai raggiungere la pura serenità. La Morte, invece, sopraggiunge come un lampo finendo per distruggere o danneggiare definitivamente ciò che l’Amore aveva lentamente consumato.

In un contorto andirivieni di luci e ombre, il viaggio del battello finale in L’amore ai tempi del Colera può paragonarsi a quella stessa ultima navigazione che un traghettatore dantesco conduceva alle vite ultraterrene, come fa il Capitano della Nueva Fidelidad. È, ormai, un battello fantasma. Non può andare avanti e non può tornare indietro, come gli stessi protagonisti, la loro nave è bloccata nell’impossibilità di soccombere alla vita precedente o cedere a quella successiva. In altre parole: non gli resta che amarsi.

Leggi il libro su Amazon (link affiliato): https://amzn.to/3d9FWYW

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...