L’amica geniale: storia di chi fugge e chi resta

“Ognuno si racconta la vita come gli fa comodo”

Il terzo della quadrilogia dell’Amica geniale è un bellissimo prosieguo della storia, in cui il contesto sociale non fa più da sfondo, ma diventa parte viva della storia: le lotte di classe, il femminismo e la condizione dei lavoratori sono solo alcuni dei temi che emergono da questo romanzo. Lila e Lenù non sono più delle bambine e devono scontrarsi con la dura realtà dell’Italia degli anni ‘60-‘70 densi di fermenti, mutazioni sociali e rivoluzioni private. E, sebbene attraversati dalla degenerazione dell’ideologia e dal terrorismo, furono prolifici di pensieri e  di incontri che cambiarono il destino di un’intera generazione. Le donne scoprirono l’uso della libertà; le e gli omosessuali uscirono dai ghetti; l’arte, il teatro e la cultura  divennero parte e motore del cambiamento. Furono anni di grandi battaglie sociali i Settanta, di grandi manifestazioni di piazza e di confronti “politici” che coinvolgevano la vita pubblica e privata.

Ma perché storia di chi fugge e chi resta?
Lila è chi resta a Napoli, schiava ormai di una vita piena di insoddisfazioni e che di rado le regala gioie, che spesso, emergono da una “geniale follia”.
Lenù è chi fugge, chi si approccia ad un mondo lontano e completamente diverso da quello in cui è nata.
Chi si afferma attraverso le sue passioni, la lettura e la scrittura e che finalmente si sentirà padrona della sua vita, adesso che lontana da Lila, non ne è più all’ombra.

Il modo in cui entrambe si ritrovano coinvolte in questa realtà complessa e troppo nuova rispetto al passato gioca un ruolo fondamentale nella loro amicizia. Si ha come la sensazione che il loro legame sia destinato a finire perché troppo distante e lontano per le diverse prospettive di vita. Ma è proprio qui un grande esempio di come l’amicizia, quella vera, sia indissolubile.


Romanzo disponibile su Amazon (link affiliato): https://amzn.to/3nvxFC5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...