6 dicembre: Aubrey B.

Sotto la sesta finestra del Calendario dell’Avvento Romance abbiamo Aubrey B. con un suo estratto preso da “Stay for me“, secondo romanzo della serie Stay (#1 Stay with me).

Stay for me #2 di Aubrey B.

Estratto

«Buongiorno».
La voce di Chase, ancora arrochita dal sonno, è sufficiente a distendermi i nervi.
«Buon giorno a te, tesoro. E buon Natale», dice la madre, distogliendo l’attenzione dalla salsa di mirtilli per sorridergli radiosa.
«Buon Natale anche a voi», ribatte lui, avvicinandosi per baciarla su una guancia, poi va dal padre, seduto su uno degli sgabelli a leggere il giornale, e si scambiano qualche pacca sulla spalla.
«A che ora ti sei svegliata?», mi sussurra all’orecchio, avvolgendo le braccia forti attorno alla mia vita e premendo il petto contro la mia schiena.
«Presto», ribatto, tentando di rimanere concentrata sulla torta, invece che sulle sue labbra che mi sfiorano la spalla lasciata scoperta dalla maglia asimmetrica «Volevi che ti svegliassi?», domando poi, fingendomi preoccupata. Conosco benissimo la risposta.
«Diavolo, no», dice infatti lui, ridacchiando contro il mio collo.
Sorrido a mia volta, e giro appena il viso per sfiorargli le labbra con le mie. Chase mi strizza tra le braccia, mugugnando qualcosa di incomprensibile mentre strofina il naso contro la mia nuca, libera dai capelli che ho sollevato in uno chignon un po’ disordinato.
«Dove sono i miei biscotti?», mi chiede dopo qualche secondo, poggiando il mento sulla mia spalla e premendosi un po’ di più contro di me.
«Quali biscotti?». Fingo di non sapere di cosa stia parlando, giusto per il gusto di prenderlo in giro. Sono la prima cosa che ho preparato stamattina.
«Quelli che hai preparato e nascosto da qualche parte», ribatte, il tono appena esasperato.
Mi costringo a trattenere un sorriso, e a mantenere un’espressione di totale indifferenza.
«Non so di che parli».
«Non cercare di fregarmi, Kyles. Ci sono due profumi che riconoscerei dovunque: il tuo, e quello dei tuoi biscotti. Sono presenti entrambi in questa stanza, quindi dammi ciò che è mio», mormora minaccioso, accostandomi le labbra all’orecchio.
Un brivido mi percorre la schiena, e avverto una pulsazione familiare tra le cosce. Sì, gli è bastato pronunciare una frase per mandarmi in corto circuito.
«Se farai il bravo, forse», riesco a dire, continuando a stare al gioco.
Chase sbuffa sonoramente, poi mi afferra il lobo dell’orecchio tra i denti, facendomi sussultare.
«E io con cosa dovrei sfamarmi, intanto?», mugugna, continuando a mordicchiarmi.

Trovate il romanzo su Amazon cliccando qui (link affiliati):
– #1 Stay with me
– #2 Stay for me
Pagina Autrice: Aubrey B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...